fiori e fischi

I fiori sono la richiesta di un’amica, che mi chiede di poter usare il post sull’HDPE usato per illustrare un’iniziativa che si terrà presso la scuola materna della figlia.

I fischi – ovvero un’esplicita bocciatura dei contenuti di queste pagine – mi arrivano via mail da un lettore occasionale che è approdato qui dal link che avevo messo sulla mia pagina utente del sito di Wikimedia Italia. Faccio ammenda per quel peccato di vanità, ho rimosso il link. Lo sposterò altrove.
Vale la pena di ribadire che queste mie pagine sono personali, che nulla hanno a che vedere con Wikimedia Italia. L’unica cosa che accomuna Wikimedia Italia a queste pagine sono io, e le mie opinioni politiche non sono un mistero per gli associati che in occasione dell’ultimo rinnovo delle cariche sociali hanno posto in me la loro fiducia.
Pare che questi miei post abbiano schifato quanto basta il lettore da farlo desistere dal volersi iscrivere a Wikimedia Italia.
In questo estemporaneo ruolo di spaventapasseri per un giorno, ho conferma del fatto che la libertà di parola di cui un individuo gode è inversamente proporzionale all’ascolto (reale o potenziale) che ha.

6 commenti su “fiori e fischi”

  1. Se vuoi puoi fare presente al “non futuro socio”, che fra i membri del direttivo c’è anche chi la pensa in “senso opposto” e che, comunque, fra i nostri soci…. ci sono anche degli schifosissimi soggetti che votano molto a destro :p

  2. Presupporre che ciò che una persona esprime in uno spazio “privato” debba per forza condizionare tutto il suo agire “pubblico” equivale al considerare sbagliato tutto ciò che viene affermato dallo “schieramento opposto” solo perché, appunto, detto dallo schieramento opposto.

    Purtroppo l’irrazionalità delle nostre azioni “politiche” poi si ribalta anche nelle nostre azioni quotidiane. E temo che non se ne uscirà mai.

    Vado a contar tappi che è meglio…

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.