tra un peana e l’altro…

La morte di Bongiorno tiene giustamente banco.
Tra un peana e l’altro, oso ricordare che anche grazie a lui – e al suo impatto sul costume nazionale – l’Italia è diventata l’attuale disastro che è.

E, personalmente, negli ultimi anni in Mediaset lo trovavo piuttosto patetico. Hai fatto la storia della TV italiana e ti ritrovi a fare il piazzista di prosciutti, maionesi, caffè, materassi, legumi, cartigieniche, etc.

Asciugatevi le lacrimucce e ricordatevi che Silvio è grande, e Mike è (stato) il suo profeta.

Aggiornamento: “Sì signora, esatto. E’ la veglia per Mike Bongiorno”. [1] 😀

2 commenti su “tra un peana e l’altro…”

  1. E ricordiamoci anche come l’ha trattato a fine carriera. Un bel calcio nel culo e via! “Non ci servi più!”
    Ieri sera in metropolitana invece nella proiezione di quegli pseudo servizi d’informazione (in realtà bieca pubblicità) si ricordava quanto s’era speso il gran Silvio dal cuore d’oro per farlo eleggere senatore.
    Mi sembra di ricordare che i senatori a vita in quel periodo mettessero spesso in crisi il centro-destra…

  2. prosciutti, maionesi, caffè, materassi, legumi, cartigieniche… Mai mortadella. Ed alla fine l’unto l’ha fatto scivolare sull’olio… 😀

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.