(dis)incentivi

Ho sentito la notizia a Radio Popolare stamattina, (qui un frammento tratto da [1]) ma non ne ho ancora trovato traccia on-line.

Su invito del consiglio regionale della Lombardia, l’ASL ha diramato una circolare agli ospedali con la quale li si invita a comunicare nome e cognome completo delle persone colpite da malattie a trasmissione sessuale. Fino ad ora venivano comunicate le sole iniziali.

Se la notizia fosse confermata sarebbe un ottimo disincentivo a fare qualsiasi test, primo passo per contrastare qualsiasi epidemia di MTS (compreso l’HIV).
Inoltre non vedo particolari vantaggi nell’identificare una persona in questo modo. Il dato viene raccolto a soli fini statistici. O no?

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.