dev’essere così

Più ci penso e più me ne convinco: dev’esserci un filtro sul mio server di posta in uscita che ferma tutta la posta elettronica che contiene le parole “curriculum” o “vitæ” diretta a reti italiane. Quando mando messaggi del genere a indirizzi svizzeri ottengo sempre una cortese risposta nell’arco di tre giorni lavorativi al massimo. Invece … Continua a leggere dev’essere così

cavalli di frisia

Se arrivate a Mosca dall’aeroporto internazionale Šeremt’evo 2, viaggerete sulla strada che la collega a San Pietroburgo. Appena superato il comune di Khimki, all’incrocio con l’MKAD (il “grande raccordo anulare” di Mosca) vedrete sulla destra un monumento costituito da tre enormi cavalli di frisia. Rappresenta il punto di massima avanzata dell’esecito nazista in territorio russo. … Continua a leggere cavalli di frisia

un, due, tre, libero per me

Stamani la lettera di dimissioni è stata datata, stampata, firmata, consegnata e controfirmata. Avevo bisogno di una spinta per decidermi. Speravo in una spinta migliore – un altro lavoro – invece sono state le parole di un (ormai ex) collega a farmi decidere. Sentendomi dire “mi sono rotto i coglioni di quest’azienda che non dà … Continua a leggere un, due, tre, libero per me

one cool million for one cool caress

ABC – Beauty Stab Eravamo più o meno a metà degli anni ’80. Si vendevano tonnellate di gel per capello “effetto bagnato”, la musica pop era esclusivamente british, il linguaggio (mistificato ad arte) del corpo si prendeva una schiacciante e duratura rivincita su tutte le parole spese nel decennio precedente, non era vietato trasmettere in … Continua a leggere one cool million for one cool caress

un biglietto per tre

Ryuichi Sakamoto – BTTB BTTB, ovvero “back to the basics”. Un ritorno al solo pianoforte, dopo l’incursione nel world-pop (da “Beauty” a “Smoochy”) degli anni precedenti, condotta con la consueta maestrìa. Un album spogliato di ogni orpello, malinconico e intimista, che evoca immagini di una Parigi autunnale (a me, che finora a Parigi ci sono … Continua a leggere un biglietto per tre

una terapia semplice e antica

La prima senza sensazione è appena percettibile, ma ormai ho imparato a riconoscerla come sintomo inequivocabile di ciò che sta per accadere. E non mi piace. L’acqua si fa via via più tiepida. Da dentro il box doccia tendo l’orecchio per sentire se il bruciatore ricomincerà a funzionare con un il suo tipico botto soffocato, … Continua a leggere una terapia semplice e antica

memoria esaurita (2)

“Italiani brava gente” è un meme altamente resistente. Da decenni rimbalza di mente in mente, senza dare segni di usura e di stanchezza. Siamo un popolo che ama perdonarsi, rimuovendo dalla memoria collettiva gli episodi che smentiscono questa idea [1]. Rimozione che trova una definitiva legittimazione politica nella cosiddetta “seconda repubblica”, in cui al potere … Continua a leggere memoria esaurita (2)

seghe mentali nel traffico urbano

Non ricordo esattamente quando ho cominciato e nemmeno come. Dev’essere stata una specie di intuizione partendo da una combinazione di lettere particolarmente facile, ma ora è diventato un vizio che, come ogni vizio che si rispetti, viene coltivato. Prendi le 4 lettere della targa automobilistica che vedi e cerca di costruire la parola di senso … Continua a leggere seghe mentali nel traffico urbano

contu-mail

Corriere della Sera – NAZIONALE – sezione: Cronache – data: 2008-03-10 num: – pag: 25 categoria: REDAZIONALE L’incontro Assemblea a Milano per gli autori italiani dell’enciclopedia virtuale Il raduno dei wikipediani: «Sul web si impara tutto» Un vertice nazionale per i redattori della biblioteca di Internet che in numero di contatti supera anche YouTube MILANO … Continua a leggere contu-mail