quel disco te l’ho pagato tre volte

Peter Gabriel – So Comprare le musicassette originali era poco meno che una truffa: dopo una dozzina di ascolti il nastro “grippava” e veniva irrimediabilmente attorcigliato attorno a qualche pernetto del mangianastri (“mangia” nastri, appunto). Ma quell’estate ero fuori casa – stavo facendo il servizio militare – e una cassetta aveva due indubbi vantaggi su … Continua a leggere quel disco te l’ho pagato tre volte

do you speak english, then?

O.N.A. – Modlishka [pl:wp] Ogni volta che vado in un altro paese cerco di procurarmi qualche esempio di musica del posto. Nell’estate del 1996 ero di transito all’aeroporto di Varsavia, di ritorno dalla Bielorussia. Eravamo andati Brest’ a trovare la scolaresca di cui all’epoca faceva parte anche Ljuda. Non so bene perchè si scelse di … Continua a leggere do you speak english, then?

ora tocca ai senzatetto

…“La persona che non ha fissa dimora – recita l’emendamento della Lega Nord al ddl sicurezza approvato il 5 novembre dalla Commissione Affari costituzionali e Giustizia del Senato – è iscritta nell’apposito registro istituito presso il ministero dell’Interno”… [1] Un apposito registro dei senzatetto. Schedati come criminali. Quando la loro colpa è “solo” quella di aver trovato ghiaccio … Continua a leggere ora tocca ai senzatetto

una terapia semplice e antica

La prima senza sensazione è appena percettibile, ma ormai ho imparato a riconoscerla come sintomo inequivocabile di ciò che sta per accadere. E non mi piace. L’acqua si fa via via più tiepida. Da dentro il box doccia tendo l’orecchio per sentire se il bruciatore ricomincerà a funzionare con un il suo tipico botto soffocato, … Continua a leggere una terapia semplice e antica

retrogusto amarognolo

Obama fever. Si balla in Kenya e persino mia madre m’ha mandato un sms in cui si dice contenta che Barack Obama abbia vinto le elezioni. L’affluenza record (per gli Stati Uniti) del 64% circa è la vittoria di una scommessa: quella di far votare persone che fino a ieri erano demotivate a farlo perché … Continua a leggere retrogusto amarognolo

il centro commerciale sfigato

Non lontano da dove vivo, sull’incrocio tra due strade ben trafficate, tanti anni fa sorgeva un ristorante abbastanza popolare. Chiuso il ristorante, l’edificio venne riadattato ad ospitare un’esposizione di mobili, che però non durò molto. Abbandonato e vuoto, l’edificio andò incontro all’invasione del sottobosco e all’usura del tempo, persino un pezzo del lungo tetto crollò. … Continua a leggere il centro commerciale sfigato

knol – una rapida occhiata da wikipediano

Mi rifaccio alle informazioni presenti alla pagina http://knol.google.com/k/knol/knol/Help# e http://knol.google.com/k/knol-help/-/si57lahl1w25/13#. Di primo acchito, ciò che noto come fondamentale differenza rispetto a Wikipedia è la “proprietà” delle voci: Knol vuole privilegiare l’autorevolezza delle fonti, quindi ogni voce di enciclopedia è firmata e “posseduta” da un proprietario, un po’ come i messaggi di un blog che hanno … Continua a leggere knol – una rapida occhiata da wikipediano

respirazione artificiale

Terremo a Caserta il prossimo 6 settembre l’assemblea annuale di Wikimedia Italia. Come l’anno scorso a Roma, è il momento in cui l’assemblea elegge il nuovo direttivo. Su 180-e-rotti soci, nessuno sembra finora intenzionato a candidarsi. Nemmeno io. Per quanto riguarda me, la frase abbastanza lapidaria a motivazione di questa mia scelta è “sono stanco”, … Continua a leggere respirazione artificiale

quelli della gabella (afono 2)

In ossequio alla legge di Murphy, la mia afonia ieri sera ha toccato il suo apice, ma con l’indispensabile aiuto di un microfono è stato possibile amplificare i miei rantoli ad un livello di comprensibilità sufficiente. L’incontro si è svolto presso la Gabella di Reggio Emilia, spazio pubblico di proprietà comunale, base di numerose attività … Continua a leggere quelli della gabella (afono 2)

no, la catena no!

Quel disgraziato di Giovanni ha coinvolto Stoney in questa catena il quale, disgraziato a sua volta, ha ben pensato di ottemperare e passare la palla a me. Si tratta, mi viene detto, di rispondere a dieci domande di matrice marzulliana e di coinvolgere altri tre malcapitati blogger ancora immuni. Premetto che in cose del genere … Continua a leggere no, la catena no!