domani smetto

Il primo, di moka, col profumo che aleggia in cucina, prima di uscire di casa. Il secondo, di macchinetta, appena arrivato al lavoro, con i colleghi che arrivano più o meno alla stessa ora. Il terzo, ancora di macchinetta, mezz’ora dopo, quando arriva il capo con cui dividi l’ufficio, che declinare il suo invito potrebbe … Continua a leggere domani smetto

words are too solid

Il nebbioso paesaggio del tempo e le mappe che lo descrivono, i moti browniani delle esistenze, lo sciovinismo umanoide di certa fantascienza televisiva, il lavorare, la circolarità degli eventi, l’aiuto degli altri, le loro parole, le loro storie e le loro geografie. Se qualcuno continua ad accompagnare il tuo pensiero, fa differenza che sia in … Continua a leggere words are too solid

spazio, penultima frontiera

Immagino di non essere il solo appassionato di fantascienza a vedere in questi anni duemila una grossa delusione. Il viaggio spaziale non è ancora routine, non abbiamo colonie né sulla Luna né su Marte, esiste ancora la morte per fame e la società è ancora ben lontana da certi ideali asimoviani di civiltà in cui … Continua a leggere spazio, penultima frontiera