4 – 0

Di nuovo sto per cambiare lavoro (e, sembra incredibile, torno a fare il chimico). Di nuovo questa assunzione è frutto di passaparola di amici, parenti, ex colleghi. Nella mia personale esperienza, le agenzie di selezione del personale finora non sono servite a niente (quattro a zero, non c’è partita).

domani smetto

Il primo, di moka, col profumo che aleggia in cucina, prima di uscire di casa. Il secondo, di macchinetta, appena arrivato al lavoro, con i colleghi che arrivano più o meno alla stessa ora. Il terzo, ancora di macchinetta, mezz’ora dopo, quando arriva il capo con cui dividi l’ufficio, che declinare il suo invito potrebbe … Continua a leggere domani smetto

ronde, rondelle, chiavi del 36

Una dozzina d’anni fa, in viaggio in autostrada nel primo pomeriggio, mi fermo ad un autogrill per mangiare un panino. Mentre mangio, entra nel locale un uomo in divisa – non ricordo oggi se carabiniere o poliziotto – che saluta il barista dietro il bancone e comincia ad inveire contro i ladri che hanno rubato … Continua a leggere ronde, rondelle, chiavi del 36

pogrom

L’incendio dei campi rom a Napoli [1] (ma anche l’incendio dell’insediando campo di Opera circa un anno e mezzo fa [2]) è un pogrom. Resto basito nel vedere come la popolazione di un quartiere sia giunta a sentirsi in diritto e in dovere di agire in questo modo. Se queste azioni sono una punizione per … Continua a leggere pogrom

gavetta

Sto cercando di capire cosa mi lascia insoddisfatto del nuovo lavoro. Non è solo la ruggine esistente tra i colleghi, che ogni tanto si abbandonano ad imbarazzanti sceneggiate. Non è solo l’accavallarsi delle “urgenze” e delle “urgenze veramente urgenti” e l’accordarsi su priorità per meglio gestire risorse umane e strumentali tirate all’osso per poi vedersi … Continua a leggere gavetta

i bei tempi andati

Stasera ho fatto un salto presso il mio precedente posto di lavoro, per ritirare l’ultimo cedolino paga, quello del TFR scampato allo scippo dei fondi (ironia della sorte, quando si dovette decidere eravamo una fabbrica con ben più di 50 dipendenti e quindi l’opzione di lasciarlo presso il datore di lavoro non era contemplata). Ho … Continua a leggere i bei tempi andati

impatto

Curioso come in molti – parenti, amici, colleghi vecchi e nuovi – abbiamo usato la parola “impatto” nel pormi la domanda su “com’è andata” nei giorni scorsi. “Impatto” è in effetti la parola giusta. Un po’ perché undici anni in più sull’elasticità mentale e sulla voglia di ricominciare si fanno sentire, un po’ perché ci … Continua a leggere impatto

DS22

Ieri è stato l’ultimo giorno a orario pieno. Oggi ho varcato i cancelli un’ultima volta per ritirare il libretto di lavoro e i documenti necessari per la mia iscrizione nelle liste di mobilità. – la lettera di licenziamento, giustificato per cessazione delle attività – il modulo DS22, rilasciato dall’azienda – il modulo DS21, compilato da … Continua a leggere DS22

reazioni

Qualcuno – non ricordo più chi – disse che un chimico è una persona che lega molta della propria vita ad un paio di reazioni incontrate su un libro di testo. Queste due sono tra le principali a cui devo dieci anni di stipendio. Le menziono qui a mo’ di ringraziamento per tutti quei colleghi, … Continua a leggere reazioni

venduto!

Passaparola batte agenzie 3-0. Nel senso che per la terza volta nella mia vita è un colloquio scaturito da un passaparola quello che alla fine si concretizza in una lettera di assunzione (oh, yes!). Oggi pomeriggio ho siglato per accettazione la proposta del mio nuovo datore di lavoro. Ho trovato lavoro nel mio settore (la … Continua a leggere venduto!