dieciannidisapere.it/collabora

È la primavera del 2004, R. ci chiede “volete scrivere su un’enciclopedia?”. Io di Wikipedia non avevo ancora sentito parlare, cominciai a visitarne le pagine e già allora – quando la sua edizione in italiano era ancora giovane giovane – mi pareva bella, troppo bella perché il mio goffo contributo potesse esserne all’altezza. Così le … Continua a leggere dieciannidisapere.it/collabora

cose da non fare (4)

Scoprire che sei allergico a un farmaco solo dopo che ti è stato messo in vena. A detta di chi c’era, sembravo Peter Gabriel sulla copertina di “Plays Live” ma giocato sui toni del viola, anziché dell’azzurro. Tutto bene, comunque. Ieri ero un tale straccio che ho dormito dieci ore filate.

duemiladieci

Stamattina una collega telefona al numero verde del centro unico di prenotazione di esami clinici di una città del nord. Spiega di che esami ha bisogno, spiega quali sono gli ospedali e gli ambulatori che può raggiungere comodamente e spiega che il suo medico curante le ha fatto una certa urgenza. “Quando? Il nove luglio? Ma è … Continua a leggere duemiladieci

sotto mentite spoglie

Arsenal – Arsenal 5 / Arsenal 6 [ru:wp] Negli scaffali del negozio di dischi di stato “Melodija“, gli album degli Arsenal erano classificati sotto l’etichetta “jazz”, ma nei loro solchi gli stilemi del rock sono tutt’altro che infrequenti. Al sassofono non di rado subentra una chitarra elettrica distorta strascicata per minuti interi. Probabilmente Kolzov e … Continua a leggere sotto mentite spoglie

anche l’operaio vuole il figlio dottore

“…del resto, mia cara, di che si stupisce? anche l’operaio vuole il figlio dottore, e pensi che ambiente che può venir fuori. Non c’è più morale, contessa.” Quando finii le scuole medie gli insegnanti furono unanimi nel consigliare ai miei genitori di farmi continuare a studiare. La scelta della scuola superiore che avrei frequentato cadde … Continua a leggere anche l’operaio vuole il figlio dottore

il centro commerciale sfigato

Non lontano da dove vivo, sull’incrocio tra due strade ben trafficate, tanti anni fa sorgeva un ristorante abbastanza popolare. Chiuso il ristorante, l’edificio venne riadattato ad ospitare un’esposizione di mobili, che però non durò molto. Abbandonato e vuoto, l’edificio andò incontro all’invasione del sottobosco e all’usura del tempo, persino un pezzo del lungo tetto crollò. … Continua a leggere il centro commerciale sfigato