BBB+ (brucia baby, burn)

È un tardo pomeriggio di fine aprile 1991. Siamo appena arrivati a Stettino, sono in coda davanti ad uno sportello di cambiavalute per procurarmi un po’ di valuta locale per cenare. La coda davanti a me è di polacchi, che cambiano zloty in marchi tedeschi. Tocca a me, porgo una banconota da 50 marchi e … Continua a leggere BBB+ (brucia baby, burn)

yes, they can

Forse hanno ragione i pessimisti, a vederlo – nonostante lo sbandierato “cambiamento” a tutti i costi – comunque continuatore del sistema di potere che da oggi rappresenta ufficialmente. A vedere riposte ingenuamente nella sua persona troppe speranze, anche tra loro in contraddizione. Però è un fatto storico che sia il presidente di un paese dove … Continua a leggere yes, they can

il limone spremuto

Che il prezzo del petrolio di oggi sia dettato solo dalla domanda reale o sia anche gonfiato da speculazioni ad hoc, non fa molta differenza. L’elevato prezzo del petrolio e degli altri idrocarburi favorisce chi lo estrae e chi lo commercializza, ovvero le multinazionali del petrolio (che esprimono l’attuale governo degli Stati Uniti) e le … Continua a leggere il limone spremuto

HDPE usato

HDPE, ovvero polietilene ad alta densità. È quello – per intenderci – con cui vengono stampati i tappi delle bottiglie di acqua minerale. È una materia plastica diversa da quella delle bottiglie, normalmente prodotte in PET (polietilentereftalato). Forse anche voi avrete guardato con sufficienza un amico o un parente che raccoglie i tappi dell’acqua minerale … Continua a leggere HDPE usato

pasti gratis

Da un punto di vista meramente chimico, bruciare il petrolio per ricavarne energia è l’utilizzo meno nobile che se ne possa fare; il petrolio è una miscela complessa di numerosi composti chimici di enorme utilità e di difficile ottenimento attraverso altre fonti. Materie plastiche, gomme, tessuti, vernici, pellicole, detergenti, farmaci, la maggior parte di ciò … Continua a leggere pasti gratis

Nassiriya

Vittorio Zucconi, in un bell’articolo su http://www.wallstreetitalia.com/articolo.asp?ART_ID=187903 scrive: «…Fino a quando i nostri Carabinieri …crederanno di essere in Iraq per una ragione seria e vera, e non per soddisfare i teoremi di qualche invasato a Washington, continueranno a morire. E pure a mangiare meglio dei Marines. » Ho dubitato raramente della serietà dei militari italiani … Continua a leggere Nassiriya

chi ha paura dell’euro?

Due frammenti trovati su un giornale di oggi, risalenti a prima dell’attacco all’Iraq. «L’Iraq intende proseguire nei suoi piani volti ad abolire l’uso del dollaro negli affari concernenti il petrolio… Questa settimana Baghdad ha insistito presso l’Onu, ottenendone il permesso, di vendere petrolio in euro, dopo il 6 novembre, attraverso il programma oil for food: … Continua a leggere chi ha paura dell’euro?