la panacea

In Italia gli oneri fiscali sul lavoro sono tali che gli imprenditori nazionali se ne vanno e quelli stranieri se ne stanno tranquillamente alla larga. In Italia un processo arriva a durare decenni e quando finalmente ti viene riconosciuto lo straccio di ragione che avevi, spesso non serve più a nessuno. In Italia la convivenza … Continua a leggere la panacea

lisbona da profano

Premessa: sono un profano che ha letto le pagine informative dell’UE senza alcuna specifica preparazione tecnica in merito. Il Trattato di Lisbona [1] è la nuova carta costituzionale dell’Unione Europea, emendata dopo le bocciature referendarie di francesi e olandesi nel 2005. Alla sua definitiva approvazione manca ancora una firma, quella del presidente ceco Klaus, in … Continua a leggere lisbona da profano

be careful what you wish for

Ogni volta che leggo sulle varie mailing list wiki[p|m]ediane in giro per il mondo di contatti, collaborazioni, persino finanziamenti pubblici ai vari chapter nazionali di Wikimedia sparsi sul pianeta vorrei tanto che le istituzioni nazionali si interessassero di più a Wiki[p|m]edia. Poi faccio mente locale sulle raccomandate di legali di parlamentari, europarlamentari, ministri, sindaci, personaggi … Continua a leggere be careful what you wish for

obblighi

…A me da tutta questa oscura faccenda… da questa confusa accozzaglia di rivelazioni contraddittorie… sembra risultare con una certa chiarezza soltanto una cosa: che la piccola Noemi – che gli dèi la proteggano – c’entra e non c’entra; nel senso che con quella famiglia il presidente ha un qualche rapporto che sarebbe meglio chiarire, che … Continua a leggere obblighi

trasparenze – fatemi capire (3)

Con l’avvicinarsi delle prossime elezioni amministrative, il presidente della mia provincia ha fatto distribuire via posta a tutti i suoi amministrati un (a)periodico (c’è scritto “periodico” sulla rivista, ma chi si ricorda quand’è uscito l’ultima volta?) in cui viene rendicontata l’attività svolta durante l’ultimo mandato. La solita operazione di propaganda elettorale della parte uscente, pagata … Continua a leggere trasparenze – fatemi capire (3)

yes, they can

Forse hanno ragione i pessimisti, a vederlo – nonostante lo sbandierato “cambiamento” a tutti i costi – comunque continuatore del sistema di potere che da oggi rappresenta ufficialmente. A vedere riposte ingenuamente nella sua persona troppe speranze, anche tra loro in contraddizione. Però è un fatto storico che sia il presidente di un paese dove … Continua a leggere yes, they can

retrogusto amarognolo

Obama fever. Si balla in Kenya e persino mia madre m’ha mandato un sms in cui si dice contenta che Barack Obama abbia vinto le elezioni. L’affluenza record (per gli Stati Uniti) del 64% circa è la vittoria di una scommessa: quella di far votare persone che fino a ieri erano demotivate a farlo perché … Continua a leggere retrogusto amarognolo

best before

Sto per scadere. Meglio, sta per scadere il mio mandato da presidente di Wikimedia Italia. Purtroppo è andato a coincidere con un anno abbastanza sfigato della mia recente vita, l’anno in cui ho dato il mio personale contributo alle statistiche nazionali su esuberi occupazionali, salute, precarietà del lavoro e contrazione del potere d’acquisto dei salari. … Continua a leggere best before

respirazione artificiale

Terremo a Caserta il prossimo 6 settembre l’assemblea annuale di Wikimedia Italia. Come l’anno scorso a Roma, è il momento in cui l’assemblea elegge il nuovo direttivo. Su 180-e-rotti soci, nessuno sembra finora intenzionato a candidarsi. Nemmeno io. Per quanto riguarda me, la frase abbastanza lapidaria a motivazione di questa mia scelta è “sono stanco”, … Continua a leggere respirazione artificiale