vende(r)si

“Metterla giù dura” non rientra tra le mie abilità, anzi, spesso pratico (chissà, forse per un’inconscia falsa modestia?) un britannico understatement. Non sono mai stato granché bravo a sfoggiare medaglie, cucirmi addosso il cartellino del prezzo e a stare in vetrina. Ed ora, dopo undici anni e passa, senza aver ancora estinto il mutuo casa, … Continua a leggere vende(r)si

prendi i soldi e scappa

È in corso il “conclave” finale tra RSU e direzione aziendale. Dalle notizie trapelate, sembra che l’accordo sia vicino, mancano solo alcuni dettagli. A partire dal primo ottobre una prima corposa tranche di dipendenti verrà posta in cassa integrazione per dodici mesi; l’importo verrà erogato in anticipo dall’azienda, che lo tratterrà successivamente quando il ministero … Continua a leggere prendi i soldi e scappa

chi l’ha detto?

«…Non troveremo né uno scopo a livello nazionale né soddisfazione personale nella mera continuazione del progresso economico, nell’accumulare a non finire beni terreni. Non possiamo basare lo spirito nazionale basandoci sul Dow Jones, né i risultati della nazione basandoci sul Prodotto Interno Lordo. Perché del Prodotto Interno Lordo fa parte l’inquinamento dell’aria, fanno parte le … Continua a leggere chi l’ha detto?

meno 18

Il referendum sull’estensione dell’articolo 18 è naufragato e, considerata l’ampiezza dello schieramento avverso alla vigilia, il risultato non sorprende. Mesi fa ho letto un breve libro di Barbara Ehrenreich, “Una paga da fame – come (non) si arriva a fine mese nel paese più ricco del mondo”.Un reportage sul campo in cui la scrittrice cambia … Continua a leggere meno 18