cavalli di frisia

Se arrivate a Mosca dall’aeroporto internazionale Šeremt’evo 2, viaggerete sulla strada che la collega a San Pietroburgo. Appena superato il comune di Khimki, all’incrocio con l’MKAD (il “grande raccordo anulare” di Mosca) vedrete sulla destra un monumento costituito da tre enormi cavalli di frisia. Rappresenta il punto di massima avanzata dell’esecito nazista in territorio russo. … Continua a leggere cavalli di frisia

usb

È solo ieri sera che mi sono reso conto d’aver perso la mia chiavetta USB. Niente di particolarmente grave, non fosse che vi sono salvati sopra i miei piani per la conquista del mondo. Nel caso qualcuno la ritrovi, me la faccia riavere, per favore. Una volta conquistato il mondo gli regalerò Giappone, Kamčatka e … Continua a leggere usb

credevo capitasse solo alle top model

L’ufficio anagrafe del mio comune di residenza mi manda un promemoria con cui mi informa che la mia carta d’identità sta per scadere. Per il rinnovo è sufficiente presentarsi con tre fotografie formato tessera identiche e recenti (segue tabellina con gli orari di apertura dell’ufficio anagrafe). Non viene ricordato di portare con sé anche 5,42€ … Continua a leggere credevo capitasse solo alle top model

migrazioni primaverili

L’introduzione dell’ora legale, l’intiepidirsi dell’aria, gli alberi in fiore sono segnali dell’approssimarsi della primavera. Nel generale risveglio della natura, c’è una specie che esce dai rifugi in cui ha svernato per andare a marcare (e possibilmente estendere) il proprio territorio di caccia: la specie degli agenti di commercio, volgarmente noti anche come “rappresentanti”. Vestiti con … Continua a leggere migrazioni primaverili

un fiorino!

– Chi siete? – Cosa portate? – Si ma, quanti siete? – Un fiorino! (da “Non ci resta che piangere“) A proposito di cortocircuiti temporali, ecco che nel XXI secolo una città italiana torna ad applicare una tassa d’ingresso sul proprio territorio, come accadeva nel XIV [1] [2]. Dal 2 gennaio – salvo imprevisti – … Continua a leggere un fiorino!

US-made arrogance

Lo ammetto: aver perso quest’anno il mio lavoro a causa di scelte arroganti prese da persone di cittadinanza statunitense non mi mette nelle necessarie condizioni di serenità e distacco per restare indifferente a ulteriori manifestazioni di arroganza provenienti da individui che vivono e lavorano dall’altra parte dell’Atlantico. È quindi con una vena di rabbia e … Continua a leggere US-made arrogance